collana: centocinquanta    
 

Titolo: Come fratelli
Autore: Andrea Carraro

Pagine: 256
Prezzo: 16,90 euro
Formato: 14x21
Legatura: brossura con alette
Isbn: 978-88-7899-608-3
In libreria: ottobre 2013

 

 

 
 


«Andrea Carraro ha sempre guardato alla violenza e all'assurdità quotidiana di una Roma frantumata e slabbrata, ne ha spiato i segni sempre più invadenti di sfacelo e disgregazione, in un sovrapporsi ed intrecciarsi tra male sociale e male esistenziale: ma, davvero agli antipodi di quel diffuso compiacimento spettacolare di cui si è detto, ha saputo affondare il coltello nella piaga con impassibile fermezza, evitando ogni aura, ogni retorica, ogni compiaciuto riflesso».

Giulio Ferroni

Dario è diventato un noto e discusso “santone televisivo” che porta avanti una propria privata utopia evangelica e francescana. Andrea è uno scrittore. I due sono amici dai tempi dell’adolescenza, hanno condiviso libri, scoperte, viaggi, passioni e ragazze. Sono molto diversi tra loro. Andrea è un leader nato ma è timido e impacciato. Dario ha una personalità complessa ed esuberante. Eppure sono inseparabili, uno al fianco dell’altro, uno a sostegno dell’altro. La loro amicizia passa indenne attraverso gli anni, le incomprensioni, le difficili prove della vita, le profonde mutazioni sociali che attraversano il Paese. Come negli altri romanzi, racconti e reportage di Carraro l’ambientazione romana non è soltanto una cornice della storia. E non è accessoria neppure la circostanza che l’autore si chiami Andrea come uno dei due protagonisti e che il romanzo che egli scrive sia proprio il romanzo Come fratelli. La potente parabola dell’amicizia fra lo scrittore Andrea e il “santone televisivo” Dario Luciani getta una luce su questi nostri anni attratti dal sacro ma in balia di istanze irrazionalistiche e parareligiose che possono fondersi perversamente ai mezzi di comunicazione di massa (televisione, rete).
Lo scrittore Andrea nel libro che va scrivendo sul suo vecchio amico racconta tutto questo, ma racconta anche se stesso, la propria adolescenziale e conformistica ferocia da “branco”, la propria cronica debolezza che neppure la letteratura è riuscita a riscattare.

Andrea Carraro nasce a Roma nel 1959. Ha pubblicato i romanzi: A denti stretti (Gremese, 1990), Il branco (Theoria,1994), diventato un film di Marco Risi (sceneggiato a quattro mani dallo scrittore e dal regista), L’erba cattiva (Giunti, 1996), La ragione del più forte (Feltrinelli, 1999), Non c’è più tempo (Rizzoli, 2002; PremioMondello), Il sorcio (Gaffi, 2007), le raccolte di racconti La lucertola (Rizzoli, 2001) e Il gioco della verità (Hacca, 2009), e il libro direportage narrativi Da Roma a Roma (Ediesse, 2010). Collabora con i quotidiani Il Messaggero e Il Manifesto, con la rivista online Succedeoggi.it e con varie rivisteletterarie (Nuovi Argomenti, Lo straniero, Reset). È stato direttore editoriale della Gaffi editore dal 2010 al 2012. Vive a Roma.

 
   
   
 


 
 
© Lorenzo Barbera Editore s.r.l. - Tutti i diritti riservati