collana: centocinquanta    
 

Titolo: La casa delle castagne
Autore: Sergio Pent

Pagine: 240
Prezzo: 16,90 euro
Formato: 14x21
Legatura: brossura con alette
Isbn: 978-88-7899-572-7
In libreria: febbraio 2013



 
 


«Ci sei ancora, i ricordi non invecchiano, ed è un nodo di rimpianto che mi assale e accetto con rassegnazione consolante, perché forse è ciò che mi aspetto da quegli abbandoni solitari. Con gli occhi aperti nel buio ti ritrovo e ti sorrido».

Val di Susa, 1999. All’alba del millennio, il protagonista – modesta ma serena guardia forestale nel parco dell’Orsiera – riceve un telegramma luttuoso: il “tedesco” è morto. Voci, sensazioni, memorie, si riaffacciano e portano a galla l’estate del 1990, l’arrivo imprevisto – nell’atmosfera appartata di una valle ventosa – del già anziano ex-ufficiale tedesco e della splendida nipote Britta. Un antico segreto di breve passione, durante i concitati giorni della fine del secondo conflitto mondiale, legò il nonno di Britta e la nonna – ormai morta – del protagonista. L’imprevista, istintiva scintilla d’amore tra i due nipoti è come un segno di tregua che lega due lontane generazioni. Ma ciò che nasce per errore è destinato a soccombere, a vivere nel ricordo. Un romanzo che ripercorre una stagione remota di guerra, ma soprattutto una vicenda di sentimenti precari, di occasioni mancate, che sono il riassunto di  piccole vite giuste colte nei momenti sbagliati della grande Storia.

Sergio Pent nasce a S. Antonino di Susa nel 1952. Vive a Torino ed è critico letterario per La Stampa “Tuttolibri” e per L’Unità. Ha pubblicato, tra gli altri, i romanzi Il custode del museo dei giocattoli (Mondadori 2001), Un cuore muto (E/O, 2005), La nebbia dentro (Rizzoli 2007), Piove anche a Roma (Aliberti, 2012).

 
   
   
 


 
 
© Lorenzo Barbera Editore s.r.l. - Tutti i diritti riservati